Stringimi la mano

Il 12 marzo erano esattamente 2 anni da quando ho fatto per la prima volta coming-out. Ci credete che me lo sono dimenticato? Ok, non è che dovessi stappare bocce di spumante, però almeno sarei stato un po’ più attento e non  ne ho combinata una delle mie….o forse sì.

Vabbeh, passiamo ad altro: stasera mentre tornavo da lavoro, in treno, mi sono seduto davanti ad una coppia tenerissima. In realtà non erano poi così teneri eh, ma si tenevano mano nella mano :-) La cosa splendida è che mentre lui dormiva lei era sveglia e poi, quando s’è destato, si è abbioccata lei: praticamente si davano il cambio!

In quel momento ho pensato che dev’essere bellissimo addormentarsi sapendo che la persona che ami ti sta tenendo la mano. Nonostante abbia estratto il cellulare per fotografarli e nonostante avessi gli occhi a forma di cuore, sembra non se ne siano accorti :-)

Ho in testa un paio di frasi che ho letto in giro: Stephen King scriveva “si paga per quello che si ottiene, si ottiene quello per cui si e’ pagato e quello che e’ tuo prima o poi torna a te…” e Sophie Neveu “We are who we protect, I think. Who we stand up for.”
Io sinceramente non so bene quanto ho pagato e per cosa, tantomeno so se mai lo otterrò. Non so bene chi proteggo, per chi combatto. Non so perchè anche quando credo di fare passi avanti mi ritrovo legato alla stessa quercia. Non so dove mi porterà tutto questo. Si dice che la speranza sia l’ultima a morire ma tra un po’ biiiiiiiiiiiiiiiiii……..

Scrivo una canzone solo per me
Che dia voce ai momenti in cui non riesco a gridare
Che rivesta gli spigoli di un’anima che è
Lacerante troppo mobile per me..

Voglio una canzone ancora per me
Che mi possa mentire quando il letto è troppo grande
Che mi faccia pensare di essere speciale si, respiro, sono speciale
Come il sole a mezzanotte!


La Fame di Camilla – Come il sole a mezzanotte

About these ads

9 thoughts on “Stringimi la mano

  1. Forse ciò per cui combatti è talmente giusto, universale e scontato dentro di te che, alla domanda “fammi un elenco?” non riesci a dirlo a parole. Forse la tua quercia è quella giusta, e rimanerci legato significa non perdere di vista te stesso e quella bussola interiore che ti dice quando qualcosa è incredibilmente giusto o incredibilmente sbagliato.

    La coppia che dorme con le mani legate è un’immagine bellissima.
    E tu, che “paghi pegno” fermandoti a domandarti quanto amore ci sia nella vita delle persone, vieni ripagato con la stessa moneta, amore, captato tra due sguardi, tra due chiacchiere o due mani, che fotografi per ricordarti che, eccheccazzo, ma allora esiste davvero.

  2. “si paga per quello che si ottiene, si ottiene quello per cui si e’ pagato e quello che e’ tuo prima o poi torna a te…” : ci terrei soprattutto che fosse vera l’ultima parte della frase, anche se ti confesso che in questo momento sto pensando in maniera molto materialistica, al contrario di te!

  3. daffo ha detto:

    diciamo che quando doniamo qualcosa, abbiamo buone probabilità di essere ricambiati…. ma spesso non nel modo in cui crediamo, e magari anche da un’altra persona. l’universo lavora in modi misteriosi… buona giornata vento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...