Hai scoperto l’acqua calda

Oggi proviamo a iniziare col piede giusto… Dato che ieri i presupposti non erano dei migliori. Ieri sera son uscito con la mia amica pisssicologa….ero stanco morto, mentalmente, avevo bisogno di buttare fuori un po’ di cose. Tra l’altro ho verificato che quando sono a terra d’umore reggo pochissimo l’alcool! Vabbeh, vedremo come gira oggi….

Per la rubrica del “tutto è relativo” oggi propongo una riflessione tanto banale quanto insolita. Quante volte vi sentite dire “siiii, hai scoperto l’acqua calda!”? Io ultimamente poco, ma mi sembrava comunque un buon gancio per tirare in ballo il discorso.

Spesso mi trovo a pensare quanto il peso della quotidianità sia subordinato alla prospettiva da cui guardiamo le cose. A volte, un evento che per noi è normale, potrebbe essere visto come un episodio di fortuna sfacciata o, au contraire, come una tragedia, se solo colpisse qualcuno che è in condizioni diverse dalle nostre. Nell’ottica di imparare ad essere un po’ più sereni e consapevoli (lo dico da compagno di classe, non da professore) oggi vorrei proporre un esperimento:

Ogni volta che aprirete il rubinetto per far scorrere l’acqua calda pensate a questo post, a chi ci ha preceduto e ci ha dato la possibilità di goderne, a chi questo privilegio non lo ha e a come vivreste voi se, in quel preciso momento, non poteste usufruirne!

Che ne dite? Secondo me è un’idea che può portare riflessioni interessanti! Io oggi gi provo ecco :)

Buona giornata e buona acqua calda!


Lucio Battisti – Acqua Azzurra, Acqua Chiara

Votiamo!

VOTARE: un diritto e un dovere civico e morale.

REFERENDUM: unica forma di democrazia DIRETTA in Italia, in cui il popolo è chiamato ad esprimersi, in maniera favorevole o contraria, all’ABROGAZIONE di una legge.

E’ importante.

Ne ho sentite di tutti i colori negli ultimi mesi, addirittura gente che invitava a non andare a votare perchè è assurdo che dei “non addetti ai lavori”, siano chiamati a esprimersi su argomenti di cui non hanno una conoscenza specifica.

Assurdo e immorale chi si appella all’astensione, a mio avviso.
Soprattutto quando i famosi “addetti ai lavori” dimostrano di non riuscire ad agire nell’interesse di coloro che rappresentano.

Personalmente voterò con 4 si.

Sui quesiti sull’acqua perchè credo che l’acqua sia un bene primario e fondamentale, non possono essere messe in gioco dinamiche economiche. Prima di tutto è una questione di principio.Con la concorrenza si abbasseranno i prezzi?! Ma non scherziamo, siamo in Italia, le compagnie si accorderanno e faranno un cartello per stabilire una tariffa minima. L’esperienza insegna, e i casini sulle tariffe dell’energia elettrica anche.

Sul quesito relativo al nucleare in Italia, perchè è inutile spacciare per soluzione definitiva una tecnologia che ci renderà comunque dipendenti dagli altri paesi per l’acquisto dell’uranio. Poi una soluzione definitiva non è, è un palliativo. Sono d’accordo che la ricerca debba andare avanti, ma investiamo sul rinnovabile. Insomma una nazione come la Germania (ok circa il 50% della loro energia proviene dall’atomo) sta investendo per abbandonare il nucleare….che senso ha per noi investirci?! Inoltre….quale regione darebbe il benestare per una centrale, siamo ancora impegolati con le discariche, figuriamoci.

Sulla questione del legittimo impedimento, perchè Berlusconi sta davvero esagerando. Stiamo facendo figure di merda in mondovisione….

Grillo, una figura controversa, che non sempre trova il mio totale appoggio, ma questo video sì, vale la pena di essere visto.