Gente che non ce la fa più

Io e mia cognata a pranzo: BASITI.
Stavamo guardando per la prima volta un programma su RealTime: “Mamme che amano troppo”. Vi giuro che siamo rimasti senza parole.

Il caso A era una madre che ha pagato qualcosa come 36,000 $ per la festa di compleanno delle figlie: immaginate un party a tema sui coccodrilli nel bel mezzo di un bosco con cucciolo di coccodrillo con cui le figlie giocavano, torta gigante a forma di coccodrillo, band che suona, intrattenitori travestiti da coccodrilli, cheerleader coccodrille, 2 quad + 1 miniquad + 1 sidecar… ma ce ne rendiamo conto?! A 10 anni fai una roba del genere? Quando ne fa 18 che cosa combini?!?!

Il caso B erano una coppia con CINQUE FIGLI, tra cui la maggiore che, disperata dalla piega ansiogena presa dai genitori, ha chiamato il programma. Sta ragazzina non poteva nemmeno prendere il bus per andare all’università, tantomeno la patente. Gli altri non potevano fare nulla, appena si mettevano a giocare la madre si faceva quasi venire le palpitazioni. E’ stata un’impresa convincerla a lasciare che le due minori preparassero la colazione (a base di pancake) con la supervisione della psicologa protagonista del programma. Questi due pazzi spiavano dalla finestra, stavano male fisicamente. Figuratevi quando per un pomeriggio si sono trovati a casa da soli mentre i figli erano a fare una gita in traghetto verso un parco divertimenti.

Io mi meraviglio (e non so perchè) dello stato di follia in cui si trovano alcune persone. Non puoi fare 5 figli quando sei patologicamente apprensiva, possibile che non si vedano gli IMMENSI danni a livello psicologico che vengono arrecati ai figli?! La maggiore si trova in serie difficoltà ad affrontare il suo percorso universitario per colpa della campana di vetro in cui è stata rinchiusa per una vita. Figuratevi voi quante difficoltà potrà avere la “festeggiata” del primo caso nell’organizzare le priorità della sua vita partendo da una base del genere: insomma come farebbe a relazionarsi con una persona come me? Prima di fare un regalo del genere a tua figlia assicurati di essere in grado di farle capire il valore economico e gli sforzi che per il resto del mondo sarebbero necessari per investire una tale somma.

Non ci sono cazzi, se sei un genitore incapace costringerai tuo figlio a vivere su un altro pianeta! Per di più il viaggio di ritorno sulla Terra se lo pagherà lui, e gli costerà un bel po’!

Vi lascio con un corto molto interessante, trovato sul profilo di Fox di Romeo In Love….fidatevi, MERITA di esser visto.

Buon weekend.

http://www.notodofilmfest.com/index.php?corto=31356#/Home/Ficha/31356/

Annunci

7 thoughts on “Gente che non ce la fa più

  1. Il fatto è che in certi casi più che i figli ad essere educati bisognerebbe educare i genitori… In certi casi guardando come si comportano alcuni genitori (e talvolta pure mia madre) mi è venuto da pensare che all’ospedale prima di consegnare il bambino alla madre dovrebbero farle fare un test psico-attitudinale…

  2. daffo ha detto:

    …c’è tanto lavoro per noi terapisti :0)
    E’ un bel post Vento e sottoscrivo le osservazioni che fai. Purtroppo c’è tanta gente, troppa direi, che ha perso la bussola e non sa più distinguere le priorità e a farne le spese sono chi gli vive accanto.

    • Ahahah Daffo guarda che prima o poi vengo a farmi sistemare anche io!
      Spesso si dice “ma una volta come facevano i genitori”….secondo me una volta si era sottoposti a dinamiche e stress diversi. Ora, rispetto a 50 anni fa, tutto il mondo è connesso, si entra in contatto con miriadi di esperienze diverse e questo comporta, se vogliamo, maggiori rischi per chi non ha una mente stabile e solida.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...