E poi boh, ti senti un po’ Johnny

Regressione a livello infantile ON. Direi che di tanto in tanto ce la possiamo permettere, no?

L’altra sera stavo tornando da lavoro e, camminando per raggiungere il binario, mi è passata per le orecchie la sigla di “E’ quasi magia Johnny”. Adesso ho un dubbio: lui NON VOLEVA leggere nella mente di Sabrina o proprio NON POTEVA perchè ne era innamorato? Io ricordo che fosse la prima….

Vabbeh, ai fini del mio ragionamento (parolona) non è determinante.

—ho Googlato per sopperire alle carenze della mia memoria ma non ho trovato info sicure.—

Anyway, la chiave è questa: per quanto mi riguarda, se fossi Johnny, non leggerei nel pensiero della mia Sabrina, nemmeno dopo un due di picche. Questo perchè sciuperei inevitabilmente tutto. Non è questione di essere scoperti o no, è questione del distruggere qualcosa che abbiamo dentro. Parte dei legami che creiamo o che vorremmo creare, sono composti da segmenti che per assurdo riguardano solo noi e per assurdo non c’entrano nulla con chi ci sta accanto.

Ok mi aiuto con un disegno (sto post sta prendendo strane pieghe):
Credo che sia un discorso contorto e un po’ vegetale: l’amore per qualcuno è un po’ come un albero, che va piantato e cresciuto. Se lo curi bene cresce abbastanza bene da superare la nostra “nuvoletta” e arrivare all’altra persona (poi c’è chi si innamora dei cessi, ma questa è un’altra storia). Se è abbastanza robusto sopravviverà alla tempesta “mondo” che separa noi dall’altra persona.

Insomma le regole del gioco sono queste. Hate it or love it, ma è così. Se cerchi di barare la parte che è dentro di te marcisce, compromettendo tutto. Certo, anche se va male una storia la pianta non se la passa bene, ma forse la gioia a cui aspiri vale il rischio della sofferenza che provi, e il precludersele barando ha poco senso.

E’ meglio che lo chiudo qui, perchè non so dove potrei arrivare….


Cristina D’Avena – E’ quasi magia Johnny

Annunci

15 pensieri su “E poi boh, ti senti un po’ Johnny

  1. io non ho mai visto jonny…sono vecchio forse? comunque anche io non vorrei sapere cosa pensa l’altro dopo un due di picche…in genere mi interrogo sui miei errori possibili.

    Ciao patatino

  2. Kappabi ha detto:

    Scusa, non capisco! Cosa intendi col fatto che “l’amore è come un albero che dobbiamo curare bene per arrivare all’altra persona” (cioè quella che si ama)? L’amore non si può imporre: io posso “curare” bene fin che vuoi la mia “pianta” ma se l’altra persona di me non si innamora, non posso farci niente! 😦

    • No no, su quello sono d’accordo. Forse mi sono spiegato male: intendevo dire che, al di la dell’ambito “relazione”, il sentimento deve maturare e in un certo modo far maturare noi stessi. Sai quando si dice “darsi il giusto tempo, non correre”, secondo me si tratta più di “fare le cose nel modo giusto” che però è soggettivo. Il senso è che due persone si possono anche piacere, ma poi ognuno deve fare la sua parte per mettere sè stesso in condizioni di costruire un rapporto.

      • Kappabi ha detto:

        OK adesso è chiaro! Concordo su quanto dici! 🙂

        P.S.: ammetto che anch’io sono tra quelli che non conoscono Johnny! 🙂 Appena ho letto il titolo mi sono chiesta subito chi fosse! 🙂

  3. Rafa ha detto:

    non vorrei deluderti ma il manga è decisamente più spinto del cartone cantato dalla d’avena ( ovviamente censurando discorsi e parti)… johnny era no stronzo se le faceva tutte xD

  4. quella con gli occhiali ha detto:

    Johnny era fantastico! Quando ho iniziato a leggere manga, tra l’altro, mi si è aperto un mondo; da un lato i giapponesi, esilaranti e perversi come pochi; dall’altro la censura italiana, bigotta e manipolatrice come nemmeno nella russia sovietica.
    Anyway, vale sempre la pena; assumersi il rischio di soffrire per riuscire a creare un contatto con qualcuno; E non si prescinde da questo, il rapporto con gli altri è di per sè un mettersi in gioco, accettando l’eventualità di restare in qualche modo feriti.
    E poi si, il discorso “l’amore è come una pianta” ha assolutamente senso per una come me.

    Bacio Summ3r, a te e alle tue riflessioni indotte dai cartoni animati ^_^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...