Advices: to trust or not to trust?

Recentemente mi è capitato di chiedere consiglio ad un po’ di amici in relazione a una questione personale…

Beh, ho ricevuto feedback molto distanti tra loro, per di più, conoscendo abbastanza bene i soggetti in questione, anche abbastanza distanti dal loro vissuto. Ho capito che per quanti consigli si possa chiedere, l’unico giusto è quello che ci daremmo noi.

I pareri degli amici servono un po’ a capire quello che pensano persone che tengono al nostro bene e che hanno un coinvolgimento minore rispetto al nostro. Insomma ci aiutano a vedere il quadro generale, a tracciare i limiti, ma mettere a fuoco quello che sta al centro è compito nostro.

C’è inoltre da valutare il fatto che in certe situazioni, magari inconsciamente, siamo portati a chiedere consiglio a coloro che crediamo la possano pensare al nostro stesso modo e assecondano quindi i nostri desideri.

In sunto, come disse la nonna in Mine Vaganti:

Non farti mai dire dagli altri chi devi amare, e chi devi odiare.
Sbaglia per conto tuo, sempre.

Buon weekend!


Nek – Se una regola c’è

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...