Breve ma efficace….spero

Stamattina mi sono svegliato e mi sono accorto che è iniziato dicembre.

Dopo qualche ora mi sono reso conto che è la giornata mondiale per la lotta contro l’AIDS. Di primo acchito, data la controversia interiore che sta avendo luogo in me relativamente alle giornate commemorative, ho deciso di non fare un post ad hoc…..

Stasera però, mentre cenavo, ho cambiato idea. Il tg, che faceva da sottofondo, ha trasmesso un servizio sulla ricorrenza e ha iniziato a sparare cifre su cifre.

34 milioni le persone contagiate dal virus, nel 2011 sono state 2,5 milioni… e in mezzo a questi numeri astronomici ci sono persone che conosco, persone a cui voglio bene….e questo ha cambiato totalmente l’impatto della cosa, la percezione di tutto.

Bisogna stare attenti, bisogna ragionare, bisogna proteggersi e, soprattutto, bisogna essere informati. Per noi stessi, ma ancor di più per le persone a cui vogliamo bene. L’AIDS non è imbattibile. Tra qualche anno magari troveranno una cura applicabile su ampia scala ma, fino ad allora, bloccare il contagio equivale a sconfiggerla. Continuare a lottare con chi già l’ha contratta vuol dire ridurre la forza di questo virus.


Michael Jackson – Hold My Hand Duet ft. Akon

Annunci

World Aids Day – Riaccendiamo le luci

In genere succede che, erroneamente, una ricorrenza si trasforma nell’unico giorno dell’anno in cui pensi all’argomento. E’ umano, è un errore che incontriamo tutti, probabilmente anche io scrivendo questo post.

In realtà è un giorno in cui a maggior ragione non bisogna dimenticare e, io, lo voglio sfruttare nella speranza di riaccendere le luci su un argomento importante che spesso passa in secondo piano. Già l’anno scorso mi sono soffermato su certe leggerezze in cui tutti incappiamo e, sempre 365gg fa, ho voluto dare un po’ di informazioni relative ai numeri dell’HIV.

Oggi, per varie cause (tra cui l’assenza di tempo, non nego), vorrei essere il più sintetico possibile per portare in evidenza alcuni punti su cui è necessario migliorare tutti, in prima persona, autonomamente:

CONSAPEVOLEZZA
Perchè qui la disinformazione e la leggerezza possono costare la vita

ALTRUISMO
Perchè dobbiamo dare il giusto valore a “noi”, al “piacere”, alla vita altrui.

SOLIDARIETA’
I giudizi lasciamoli a chi ne ha competenza (chi?!?!) e limitiamoci a dare una mano.

CONCRETEZZA
Non stiamo parlando di un argomento astratto, di qualcosa di lontano, ma di un problema che magari colpisce chi ci sta vicino, persone a cui forse stringiamo la mano ogni giorno. Nel nostro quotidiano c’è più varietà di quella che immaginiamo.

Una multinazionale come H&M, vip vari, l’UNICEF…. mi rendo conto che su ognuno di loro potremmo aprire un dibattito e mettere in discussione efficacia e motivazione. Lascerei perdere la polemica e estrapolerei solo il messaggio….





…e l’unico modo sensato di chiudere il post è questo:


Queen – Who Wants To Live Forever