Destino autonomo o assistito?

Spesso mi è capitato di pensare “evidentemente non è destino”, “se son rose fioriranno” o “evidentemente non era cosa….”

L’altro giorno invece pensavo a una serata con amici, a volte mi sembra che ci sia bisogno di “oliare un po’ gli ingranaggi” per far si che certe situazioni non diventino imbarazzanti, soprattutto in fase di nuove conoscenze con nuovi fidanzati di coppie scoppiati con vecchi amici….. dai, solite cose vecchie come il mondo, non entro nemmeno nello specifico.

Giusto o no? In quel momento ho pensato “Certamente si, perchè se lanci mattoni a caso non costruisci una casa. Devi metterli in un certo modo, devi usare anche un po’ di malta”.

Ho capito che non credo nel destino fine a se stesso. Le cose non vanno “secondo destino”, ci vuole una base di volontà. Questo rimette un po’ in discussione alcuni passaggi degli ultimi mesi. Non so. Credo che il punto sia comunque che BISOGNA SAPERE COSA SI VUOLE DAVVERO, e già qui è un bel match.

Buon weekend splendori, vi auguro che tutte le forze possibili dell’universo (dalla Vs volontà, allla volontà divina, alla fortuna, al caso, al destino, alla sfiga) soffino sotto le Vostre ali per aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi.


John Legend – Pride (In The Name Of Love)

Annunci

Un altro me

POST SCEMO E PRESUNTUOSO

Una volta, magari anche solo per un giorno, mi piacerebbe incrociare sul mio cammino uno come me. Non fisicamente, vi prego…

Ci sono periodi in cui mi trovo a dare una mano (e con una mano intendo quelle situazioni in cui praticamente salvi il culo) a amici o amiche di amici che praticamente sono sconosciuti. Non è che adesso mi credo il salvatore del mondo, però in linea generale, se con uno sforzo gestibile posso migliorare sensibilmente la giornata di qualcuno non è che mi tiro indietro.

Spesso capita la battuta del “pulsante rosso”, cioè che ci sono persone che sanno che possono premere il mio, così arrivo e cerco di tirarli fuori dallo sbattimento in cui sono.
Anche nell’ambito “relazionale”, ammetto di essere una gatta da pelare perchè sono uno che a fatica concretizza….però cavolo se esci con me stai sereno che non ti faccio passare una brutta serata, che ti faccio ridere, che non lascio cadere la conversazione nel silenzio.

Minchia ma di tanto in tanto, quando ho una giornata di merda, ma non mi può capitare uno che mi dice “dai, usciamo”, e mi carica in macchina, mi porta di un bel posto a cena, mi tira fuori sull’unghia un paio di soluzioni efficaci….

Che poi lo san tutti che siam tutti bravi a risolvere i problemi degli altri, ma io mica son permaloso! Va bene, venite, risolveteeee!!!!!

Vogliò tornà bambino!


Celeste Gaia – Carlo

Ciao Ricky che mi hai fatto scoprire questa canzone….e nemmeno sai che ho un blog 🙂

Stalkerare….che brutto vizio

Allora, premessa: lo STALKING è il male, è essere dei maniaci, è rovinare la vita della persona amata, non si fa!

Detto questo, passatemi un uso improprio del termine, per indicare quando andiamo in fissa per qualcuno e tutta la nostra giornata è dedicata a lei/lui.
Ma v’immaginate se solo questa persona sapesse? V’immaginate se questa persona sentisse anche solo una punta della nostra passione?

Chiamerebbe la neuro, lo so, perchè certe cose sono davvero apprezzate solo se il sentimento è ricambiato.

Io credo di essere stato uno stalker silenzioso, rispettoso, ma la psicopatia è sempre stata a portata di mano 😉

Ciao scemo, anche se probabilmente non lo saprai mai, mi ero preso una sbandata che nemmeno immagini! Altro che sesso, te non hai idea…io volevo dormire 😉


Laura Pausini – One More Time

Parentesi scoraggiosa

Allora, io giá son un po’ fuori taratura di mio, poi c’ho le amiche criiitiiiine che mi fan vedere i film strappalacrime! Sto guardanodo “Solo un padre” su Can5….. tra l’altro nella scena in cui la moglie è sulla cabrio e gioca con la mano nel vento mi è sembrato di rivedere un giochino che facevo io da piccolo 🙂

Vabbeh, son giorni un po’ strani. Intanto vorrei che fosse messo agli atti che la ragazza francese, Camille, è la mia donna ideale. Sicuramente minimo un anno di storia con lei riuscirei a farlo. Ha quella luce.

Detto ciò, è un po’ di giorni, tanti, che manca qualcosa. Allora: le vecchie questioni stanno finalmente iniziando a sparire, il che è positivissimo….tuttavia qua continuo a faticare nel trovare controparti interessanti. Quello che non mi spiego è che, fondamentalmente, sulla sponda uomini, ho gusti molto poco modaioli e fighetti: la cosa che tendenzialmente mi colpisce è l’aspetto da persona normale e una certa luce nello sguardo.

Ora questa benedetta luce è un cazzo di sbattimento trovarla, però, accident,i le volte che la trovo si fa na fatica a bere anche un caffè. Ok non sono un adone ma non son nemmeno da buttar via….boh, sarà un periodo.

So che è un discorso un po’ sciocco, ma è frutto del malumore di stasera. Metteteci un po’ la fase finale del coming-out che presenta sempre qualche sbattimento, a questo sommate il fatto che, cazzo, sono uno psicopatico ma c’è di peggio in giro: io, quando una persona mi interessa, sono in grado di mettermi in gioco (e questo l’ho appurato negli ultimi anni). Non è che rinuncerei al sesso per amore…mi ha proprio rotto le palle il primo, quindi sarei pure fedele! Possibile che non si quagli?!?

So che non ha senso….però io pensavo che la mia parte di sfiga in amore l’avevo già ampiamente pagata. Adesso non è che pretendo la luna, ma almeno una partita degna di esser definita tale.

Capitemi. Perdonatemi. Oggi va così.


Marco Mengoni – In Un Giorno Qualunque

When the heartache is over…

Domenica noiosissssima. Invasione di parentume (che ha comportato un po’ di lavoro), tempo scandaloso, bruciore di stomaco, gente che non risponde ai messaggi….bah, proprio non capisco.

E’ assurdo come ci siano periodi in cui hai la testa impegnata e hai 2000 cose che si accavallano….e poi giorni di vuoto totale. Sembra un luogo comune ma è davvero sempre così.

Mi è capitata questa bella canzone della Tina (video spettacolare), la nostra cara amata Tina. Ci vorrebbe lei per parlare delle mie paturnie, sono sicuro che in quattro e quattr’otto sistemerebbe tutto 🙂

Ma quanto ce mette a passà sto mal d’amore….

Sex or love?

Quante volte ho sentito la domanda: cos’è l’Amore? Vabbeh, io sono strano e oggi ho deciso che ne faccio un’altra: che cos’è il sesso? Per quanto riguarda la mia personale esperienza è qualcosa che va provato.

Quando parlo di sesso intendo un rapporto che abbia le seguente caratteristiche:
-Basso, se non inesistente, coinvolgimento emotivo.
-Attrazione fisica
-Un minimo di chimica, anche a livello mentale

Non è banale, anche perchè altrimenti si tratterebbe di puro e semplice sport. Trovare l’Amore è difficilissimo, essere corrisposti poi…. però anche fare del sano sesso non è che sia la cosa più facile del mondo. I vantaggi sono senza che, data l’assenza di trasporto a livello sentimentale, non si hanno quegli spiacevoli effetti collaterali (es. ansia da prestazione). Ci si riesce a rilassare, a concentrare su se stessi e sul piacere.

In assenza di altro può regalare davvero belle sensazioni, bei momenti. Non c’è assolutamente confronto tra sesso e Amore, nel senso che non sono proprio paragonabili, stiamo parlando di due cose totalmente diverse.

Qual’è la prima cosa che vi viene in mente parlando di sesso? Io credo di non aver mai fatto l’Amore, quello con la A maiuscola, tuttavia credo che anche chi l’ha provato darà la mia stessa risposta: il sesso non basta.

Ok, teniamo conto che questo post l’ho scritto 2gg fa. Ora sono appena tornato a casa e sto pensando che forse non sono più capace di farlo. Son problemi….


Adele – Take It All

Stringimi la mano

Il 12 marzo erano esattamente 2 anni da quando ho fatto per la prima volta coming-out. Ci credete che me lo sono dimenticato? Ok, non è che dovessi stappare bocce di spumante, però almeno sarei stato un po’ più attento e non  ne ho combinata una delle mie….o forse sì.

Vabbeh, passiamo ad altro: stasera mentre tornavo da lavoro, in treno, mi sono seduto davanti ad una coppia tenerissima. In realtà non erano poi così teneri eh, ma si tenevano mano nella mano 🙂 La cosa splendida è che mentre lui dormiva lei era sveglia e poi, quando s’è destato, si è abbioccata lei: praticamente si davano il cambio!

In quel momento ho pensato che dev’essere bellissimo addormentarsi sapendo che la persona che ami ti sta tenendo la mano. Nonostante abbia estratto il cellulare per fotografarli e nonostante avessi gli occhi a forma di cuore, sembra non se ne siano accorti 🙂

Ho in testa un paio di frasi che ho letto in giro: Stephen King scriveva “si paga per quello che si ottiene, si ottiene quello per cui si e’ pagato e quello che e’ tuo prima o poi torna a te…” e Sophie Neveu “We are who we protect, I think. Who we stand up for.”
Io sinceramente non so bene quanto ho pagato e per cosa, tantomeno so se mai lo otterrò. Non so bene chi proteggo, per chi combatto. Non so perchè anche quando credo di fare passi avanti mi ritrovo legato alla stessa quercia. Non so dove mi porterà tutto questo. Si dice che la speranza sia l’ultima a morire ma tra un po’ biiiiiiiiiiiiiiiiii……..

Scrivo una canzone solo per me
Che dia voce ai momenti in cui non riesco a gridare
Che rivesta gli spigoli di un’anima che è
Lacerante troppo mobile per me..

Voglio una canzone ancora per me
Che mi possa mentire quando il letto è troppo grande
Che mi faccia pensare di essere speciale si, respiro, sono speciale
Come il sole a mezzanotte!


La Fame di Camilla – Come il sole a mezzanotte