Il primo posto

Chi avete al primo posto delle vostre vite?
Nelle vite di chi siete al primo posto?

Periodo di confusione, di mille fatti che si accavallano e serrano i ritmi delle giornate.
Faccio i conti con l’incapacità di capire cosa voglio davvero.
Diviso a metà tra l’amore e il rancore. Tra il me stesso del passato e il me stesso di adesso.

Sto cercano di fissare un po’ i punti, e quel che ne esce non è che mi faccia impazzire. Insomma ho sempre avuto paura che, quando qualcuno diceva di voler stare con me, non lo facesse tanto per chi sono io davvero, ma per il fatto che sono molto disponibile, sempre aperto verso il futuro, proposte e persone.
Come un coglione ho sempre messo davanti questo lato di me.
Come se uno avesse paura che le persone escano con lui perché è ricco, e di conseguenza gli paga la cena tutte le sere.
Un coglione.

Per il resto, in questo momento, penso di non riuscire a vedermi al 100% con nessuno. Da F. che ha dovuto avere il me che continuava a remare nonostante le difficoltà, per mesi e mesi. Il me che se ne fregava dei muri che gli metteva davanti, parlava, litigava, ma ogni volta gli dimostrava che era lui la persona con cui si voleva svegliare la mattina.

Sono combattuto tra il “e’ bello che una persona, quando rischia di perderti, faccia degli sforzi per tenerti stretto” e il “è una merda che una persona non si sia fatto carico del fatto che stavi male per quasi un anno e mezzo e poi si sia svegliato giusto perché aveva paura che un altro potesse conquistarti”.

Il punto è che credo che entrambe siano tanto vere quanto incompatibili.

Dall’altra parte chi avremmo? Un Mr. Cazzoèimpegnato che potrebbe tranquillamente essere la persona che meglio interpreta il titolo del film “He’s just not that into you”.

Penso che devo iniziare a mettere al primo posto me.

Francesca Michielin – Distratto

Annunci

Take it all and move on…

Post figlio di teorie strampalate partorite dalla mia mente malata.

Partiamo da un presupposto: a mio avviso, non si smette di amare qualcuno ma, più probabilmente, siamo noi stessi ad evolvere e non essere più allo stesso punto del percorso che ci teneva legati ad una determinata persona.

A volte ho la sensazione che, nel percorso del “voltar pagina”, ci sia anche una sorta di evoluzione che comporta l’acquisizione di alcune caratteristiche identificate (o immaginate) nell’altro. Un po’ come se si apprezzasse in qualcuno la capacità di essere buono, positivo, di portare gioia nella tua vita…..e poi va a finire che te pigli er 2 de picche e che fai? Te rimbocchi le maniche, chi fa da se fa per 3 e diventi tu più positivo, più buono, e mo levate dalle palle che me stai già facendo incazzà….

No, scherzo 🙂 Cioè il discorso in realtà è serio ma buttato sul ridere. Insomma quando ci si innamora c’è la volontà di migliorarsi, di crescere….e vada come vada ci sono passi che si fanno, lati di noi che si migliorano e un po’ forse si cambia qualcosa, e qualcos’altro che ci fa soffrire lo si riesce ad abbandonare.

Si capisce una mazza, eh? Lo so, ma che volete, flusso di coscienza…


Adele – Take It All

P.S.=…questa l’avevo già usata, ma ogni tanto un bis di Adele ci sta 🙂

Face your demons

Sono monotono, lo so, dico sempre che sono settimane impegnate!

Anche in questi giorni imprevisti e coincidenze abbondano… dubito nei segni del destino e credo più al potere malato del mio cervello e delle sue associazioni mentali!

Settimana del pane al pane e vino al vino, sto cercando di parlare chiaro con chiunque mi capiti, in tutti gli ambiti… difficile parlare chiaro per uno che non ci sta capendo più nulla, iihihi.

Il pensiero di stasera è quello di continuare con il mood sopra indicato e, esagero, cercare di sfruttare le paranoie degli ultimi mesi per dimostrare a me stesso che ho imparato a gestirmela meglio. Vedremo….

Un abbraccioneoneone, e vi lascio con un gran bel pezzo…


Giorgia – Vado Via