Istinto di sopravvivenza

Oggi,in un certo senso,è stato come un promemoria.

Ho risentito quella specie di boa che ti stritola dentro quando pensi che la persona di cui ti sei innamorato si addormenta e risveglia tutti i giorni con un altro.

Grazie, ma non so ancora se sono uscito dal tunnel e col cazzo che ci rientro. Qui o si cambian le regole del gioco o non si gioca. Punto.

In questi due anni so di esser diventato un’altra persona. Ora è il caso che quest’altra persona raddrizzi la situazione.

Annunci

Un altro me

POST SCEMO E PRESUNTUOSO

Una volta, magari anche solo per un giorno, mi piacerebbe incrociare sul mio cammino uno come me. Non fisicamente, vi prego…

Ci sono periodi in cui mi trovo a dare una mano (e con una mano intendo quelle situazioni in cui praticamente salvi il culo) a amici o amiche di amici che praticamente sono sconosciuti. Non è che adesso mi credo il salvatore del mondo, però in linea generale, se con uno sforzo gestibile posso migliorare sensibilmente la giornata di qualcuno non è che mi tiro indietro.

Spesso capita la battuta del “pulsante rosso”, cioè che ci sono persone che sanno che possono premere il mio, così arrivo e cerco di tirarli fuori dallo sbattimento in cui sono.
Anche nell’ambito “relazionale”, ammetto di essere una gatta da pelare perchè sono uno che a fatica concretizza….però cavolo se esci con me stai sereno che non ti faccio passare una brutta serata, che ti faccio ridere, che non lascio cadere la conversazione nel silenzio.

Minchia ma di tanto in tanto, quando ho una giornata di merda, ma non mi può capitare uno che mi dice “dai, usciamo”, e mi carica in macchina, mi porta di un bel posto a cena, mi tira fuori sull’unghia un paio di soluzioni efficaci….

Che poi lo san tutti che siam tutti bravi a risolvere i problemi degli altri, ma io mica son permaloso! Va bene, venite, risolveteeee!!!!!

Vogliò tornà bambino!


Celeste Gaia – Carlo

Ciao Ricky che mi hai fatto scoprire questa canzone….e nemmeno sai che ho un blog 🙂

Parentesi scoraggiosa

Allora, io giá son un po’ fuori taratura di mio, poi c’ho le amiche criiitiiiine che mi fan vedere i film strappalacrime! Sto guardanodo “Solo un padre” su Can5….. tra l’altro nella scena in cui la moglie è sulla cabrio e gioca con la mano nel vento mi è sembrato di rivedere un giochino che facevo io da piccolo 🙂

Vabbeh, son giorni un po’ strani. Intanto vorrei che fosse messo agli atti che la ragazza francese, Camille, è la mia donna ideale. Sicuramente minimo un anno di storia con lei riuscirei a farlo. Ha quella luce.

Detto ciò, è un po’ di giorni, tanti, che manca qualcosa. Allora: le vecchie questioni stanno finalmente iniziando a sparire, il che è positivissimo….tuttavia qua continuo a faticare nel trovare controparti interessanti. Quello che non mi spiego è che, fondamentalmente, sulla sponda uomini, ho gusti molto poco modaioli e fighetti: la cosa che tendenzialmente mi colpisce è l’aspetto da persona normale e una certa luce nello sguardo.

Ora questa benedetta luce è un cazzo di sbattimento trovarla, però, accident,i le volte che la trovo si fa na fatica a bere anche un caffè. Ok non sono un adone ma non son nemmeno da buttar via….boh, sarà un periodo.

So che è un discorso un po’ sciocco, ma è frutto del malumore di stasera. Metteteci un po’ la fase finale del coming-out che presenta sempre qualche sbattimento, a questo sommate il fatto che, cazzo, sono uno psicopatico ma c’è di peggio in giro: io, quando una persona mi interessa, sono in grado di mettermi in gioco (e questo l’ho appurato negli ultimi anni). Non è che rinuncerei al sesso per amore…mi ha proprio rotto le palle il primo, quindi sarei pure fedele! Possibile che non si quagli?!?

So che non ha senso….però io pensavo che la mia parte di sfiga in amore l’avevo già ampiamente pagata. Adesso non è che pretendo la luna, ma almeno una partita degna di esser definita tale.

Capitemi. Perdonatemi. Oggi va così.


Marco Mengoni – In Un Giorno Qualunque

Free hugs?

Vabbeh ma se vuoi pago…

Questo weekend è iniziato un po’ storto, adesso vedo se con un pomeriggio di maratona con Glee riesco a farmi passare lo scazzo.

La chiccha di oggi è che mi dovevo vedere con un amico (o meglio qualcuno con cui, un paio di mesi fa, ho avuto une breve frequentazione) e mi ha tirato il pacco. Ma ti pare possibile che dobbiam pranzare assieme e ti svegli alle 12:30 dicendo che non sei sicuro di farcela? Ma puntarti la sveglia no?! Io sono un rompicoglioni, e lo so, ma qui siamo davanti a gente che se le va a cercare! Due settimane a dirmi “Ma quando ti fai vedere???”, e per la terza volta provo ad organizzare e tiri la sola? Alzavi il culo, ti tiravi fuori dal letto, doccia, e facevi benissimo in tempo. Dì che non hai voglia e fai più bella figura…ma la prossima volta che sento un “quando ci vediamo” uso l’approccio NAPALM.

Torniamo al post…ho voglia di un abbraccio. Non un abbraccio qualunque, un abbraccio vero, di qualcuno a cui voglio davvero bene e che ne vuole a me. Non parlo di amici, parlo di quella persona lì.

Ci sono momenti in cui uno non ha bisogno di niente, non vuole aiuto, non vuole parole, ma solo un abbraccio con le ABRCIO maiuscole.

Buon weekend splendori.

P.S.= un favore, fate questo sondaggino? Ve la cavate in 10 minuti…è il sondaggio LGBT europeo.


Glee Cast – Edge of  Glory

Keep calm, and carry on

Eh…. e la Pasqua è passata. Domani si ricomincia, con quei 2 o 3 kg in più sul groppone.

Continua questa fase un po’ “polverosa”, in cui mi sembra di non riuscire a scrollarmi di dosso i vecchi pensieri, ma allo stesso tempo mi sembra di aver così tanto da fare da non saper da dove cominciare.

Se dovessi fotografare in un’istantanea questo periodo, purtroppo ci sarebbero tante ombre: un po’ a causa di una sorta di perdita di sintonia nel mio giro di amici, forse dettato da qualche problema di comunicazione. Sempre a causa di incomprensioni vedo alcuni rapporti finire, e la cosa lascia sempre un po’ di amaro in bocca. Sul lavoro il solito tran tran, anche qui polvere, e io che inspiegabilmente fatico a comprendere certe dinamiche che ormai dovrebbero essermi note.

Sul personale invece mi sembra di andare avanti, a volte ho la sensazione di avere tutto chiaro, di avere la chiave d’uscita in mano… poi basta una cazzata, un messaggio, per farmi vedere ancora tanti strascichi. Non lo dico mai apertamente, ma vorrei tanto incrociare qualcuno interessante, una persona da scoprire, con cui costruire qualcosa…. perchè l’ultima volta non è andata, e ora sembra che sia impossibile per me posare lo sguardo su qualcuno che mi dia l’impressione di valerne la pena.

La pazienza non è mai stata tra i miei pregi, però ho cercato di imparare. Non si può mica esser pazienti a vita però! S’ha da ripartire. Maggio si avvicina, due anni di salti mortali sul posto praticamente…..e anche due anni di blog.

Dai ho capito, vado a nanna prima che inizio ad ammorbare…. versioni acustiche di nuovi pezzi (un po’ da lacrimuccia) , sempre migliori 🙂


Fun. – We Are Young ft. Janelle Monáe (ACOUSTIC)

Chiamerai il mio nome?

M’è saltata in testa questa canzone. Possibile che Nina Zilli mi sia piaciuta più lo scorso anno, quando ha duettato coi La Crus, piuttosto che quest’anno da sola?

La Crus Feat. Nina Zilli – Io Confesso

Allora, settimana scorsa, data la terribile congiuntura astrale tra Sanremo, San Valentino e Venerdì 17 (grazie a Foxyleaks from Romeo in Love episode 120, questi due li amo) , è stata davvero pura follia. Questo weekend poi….tutto bene eh, niente da dire, ma mi è costato un paio di sforzi titanici. Diciamo che è da un po’ che non ci si “intrattiene” con qualcuno…dal post sui vini australiani. Allo stato attuale dei fatti: Pippo è sparito (alla faccia degli slanci di interesse) e Pluto…beh mi aveva invitato per il weekend ma ho declinato l’invito. Devo essere sincero: avevo l’ormone a mille, ma mentre mi preparavo mi sono guardato allo specchio e c’ho visto una faccia un attimino diversa…così ho pensato che era la solita cosa inconcludente e che era meglio approfittare del sabato sera per passarlo con amici a Milano e con un po’ di gente nuova. Ho fatto bene.

Ripenso alle mie speranze di un po’ di mesi fa. Una piccola parte di me è ancora convinta che “Mr. Cazzoèimpegnato” non sarà più tale, e prima o poi si quaglierà. Il resto pensa che sono scemo, che sarebbe uno sbattimento senza eguali, che oggettivamente è il caso di lasciare perdere….e che è ancora questione di poco tempo e poi finalmente ne uscirò. Fino a quel ne uscirò, non lo nego, mi ci sento ancora legato.

Confido nella primavera, confido nelle nuove conoscenze, confido che questo periodo di concentrazione di sfighe passi.

Questa canzone è bellissima e vi propongo un’alternativa alla versione originale, come mi ha suggerito il mio amico Pier (no non il nostro Pier – cocchiere, un altro Pier, un amico non bloggante).

Love is requited … l’amore è contraccambiato. Credo che chi ha assaporato un amore non corrisposto, trovi un fascino incredibile nella semplicità di questa frase.


Elisa – Love is requited

Una domenica davvero dimmmmmeeee….

La giornata è iniziata storta. Sveglia alle 7 per emergenze varie…

Durante la giornata, così per caso, leggo lo status di un imbecille che dice, a grandi linee “Ecco adesso inizieremo con un infinità di post sulla Houston”. Brivido, controllo il sito dell’Ansa e scopro che Whitney è stata trovata morta in una camera d’albergo.

Oh, lo so che tutti, quando muore un VIP, si fanno prendere dal buonismo. So che il gg dopo il decesso sono tutti fan. So che al giorno muoiono migliaia di persone che fanno lavori più umili e salvano vite….

MA A ME DISPIACE UN CASINO

A parte che ci ero affezionato….mi ricordo ancora quando, all’età di 4 anni, ho fracassato i coglioni  a mio cugino per copiarmi su una cassetta I WILL ALWAYS LOVE YOU, e lui per sfinimento me ne aveva fatta una con la canzone registrata su tutto il tempo disponibile su entrambi i lati. Oppure quando ero in vacanza in montagna e, passando per Livigno, mi ero comprato il suo Greatest Hits per paura che segnasse la fine della sua carriera (e mio fratello, senza esserci messi d’accordo, si era comprato la versione CD). Ricordo quando ho pianto su My Love Is Your Love.

E poi nel 2009 il suo grande ritorno…pensate che volevo andare al suo concerto e, come un pirla, mi sono fatto prendere dalle paranoie dato che stavo da poco con la mia ragazza dell’epoca e (dato che fare progetti in avanti di 7 mesi mi sembrava uno slancio eccessivo) ho desistito. Coglione che non sono altro, non potevo prendermi un biglietto singolo e stop? (7 mesi dopo entrava in scena Mr Cazzoèimpegnato, ndr)

Per me è e rimane una grande artista….una voce unica. Ne sentirò una valanga nei prossimi giorni, c’è chi mi dirà che si fumava il sigaro col crack con sopra una striscia di coca….. frega’n cazzo, per me è e rimane la N°1. Un immenso talento, probabilmente non supportato da un’altrettanto forte personalità, ma rimane una donna eccezionale, nel bene e nel male.

Where do broken hearts go? Non lo so, ma spero che vadano in paradiso, e che tu sia li cantando I Wanna Dance With Somebody.

Una Dea….

Whitney Houston – I Will Always Love You

Whitney Houston – My Love is Your Love

Whitney Houston – I Look To You